29 Jul
29Jul

Tutte le norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro sono raccolte all’interno del Testo Unico saute e sicurezza  emanto con il D.Lgs 81/08.

Ma nel corso del tempo, proprio in ambito di sicurezza sul lavoro, sono state introdotte delle integrazioni normative.

Tali integrazioni, sono andate a disciplinare in modo più incisivo tutto ciò che riguarda le sanzioni in materia di sicurezza sul lavoro, con un occhio di “riguardo” soprattutto alle eventuali violazioni commesse dal datore di lavoro.

Fatta questa doverosa premessa, cerchiamo di capire quali sono state le integrazioni normative, ed i relativi effetti prodotti in termini di sanzioni.

Modifiche Testo Unico in tema di sanzioni: D.Lgs 151/2015

Il D.Lgs 151 è entrato in vigore il 24 Settembre del 2015, andando ad integrare il D.Lgs 81/08 per ciò che concerne l’aspetto legato alle sanzioni in materia di sicurezza sul lavoro.

Nello specifico, tale D.Lgs 151/2015 è andata a modificare l’articolo 14 del Testo Unico salute e sicurezza 81/08 nei seguenti aspetti:

Nel caso in cui, il datore di lavoro dovesse omettere di fornire la formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza ai lavoratori, ai preposti, ai dirigenti, ai lavoratori addetti al primo soccorso, all’antincendio e all’ RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), a seconda dei casi, è previsto un raddoppio se non una triplicazione dell’importo delle sanzioni.

Infatti, le integrazioni introdotte dal D.Lgs 151/2015, sono andate a modificare quelle che erano le sanzioni previste dall’art. 55 del D.Lgs 81/08, raddoppiando l’importo delle sanzioni, se la violazione viene commessa a più di 5 lavoratori, e addirittura triplicandolo se i lavoratori sono più di 10.

Inoltre, a corredo dell’aumento delle sanzioni, vi è anche la possibilità di sospendere l’attività imprenditoriale.

Modifica dell’articolo 14 del D.Lgs 81/08

Le modifiche appena illustrate nel paragrafetto precedente, compresa la sospensione dell’attività, sono state introdotte nel Testo Unico 81/08 grazie alla modifica dell’articolo 14 D.Lgs (“Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori”).

In funzione al provvedimento della sospensione dell’attività, le nuove integrazioni hanno previsto un arrotondamento degli importi relativi alla cosiddetta “somma aggiuntiva”.

In effetti, a seguito delle modifiche, il pagamento di tale somma aggiuntiva, funge da presupposto per la revoca della sospensione dell’attività da parte dell’organo di vigilanza.

Tra l’altro, all’interno del comma 5/bis dell’art. 14, c’è specificato, che la revoca della sospensione dell’attività viene concessa previo il pagamento del 25% della somma aggiuntiva prevista.

Assistenza ATECA

ATECA è un’associazione sindacale datoriale del settore terziario, che nasce con lo scopo di rappresentare gli interessi aziendali e di tutti coloro svolgono la libera professione.

Noi di ATECA offriamo diversi servizi alle aziende ,sia direttamente che in partnership con società ed Enti, tra i quali non poteva mancare la formazione per salute e sicurezza sul lavoro, disciplinato dal D.Lgs 81/08.

Quindi, nel caso tu fossi interessato ad organizzare la formazione in materia di sicurezza per i tuoi collaboratori, non esitare a contattarci.

Una nostra collaboratrice ti darà tutte le informazioni del caso, al fine di impostare un programma formativo che risponda alle indicazioni previste dal Testo Unico 81/08.

Ma soprattutto, ci teniamo a ricordare a te che sei il datore di lavoro, che in virtù anche delle nuove integrazioni normative di cui sopra, nel caso dovessi omettere di offrire la formazione 81/08 ai tuoi dipendenti, sei passibile di salatissime sanzioni amministrative.

Quindi, non aspettare oltre, e contattaci ora per maggiori informazioni.

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.